cover3

Genere: M/M – per adulti
Trama:
Ryan ha una cicatrice sul viso che crede lo renda sgradevole all’occhio umano.
Ma ci sono persone che non si fermano all’apparenza. Ci sono persone che riescono a trovare la bellezza in ognuno. Ci sono persone che amano far sorridere la gente. Ci sono persone come Sean, che non si fanno scoraggiare dall’esteriorità e dagli aculei del riccio in cui si è chiuso Ryan.
Sean riesce a scalfire la crosta dura di Ryan, ma ora lo attende la parte più difficile del suo compito: far sì che il ragazzo smetta di nascondersi dietro di essa e si apra a lui.
Ma quando dal passato di Ryan arriva qualcuno che gli offre ciò che lui desidera di più al mondo, non c’è più tempo per loro. Ryan deve prendere una decisione.
Quale voce ascolterà? Quella del suo cuore o della sua mente?

Read the rest of this entry »

{Viaggi} Berlino, Agosto 2014

Posted: September 5, 2014 in Viaggi
Tags: , , ,

Berlino. Tra tutte le città in Europa io e un’amica (Chiara… perché non ti chiamerò ‘un’amica’ in tutto il post XD) abbiamo optato per questa città. Lei era alla terza volta lì, per me la prima. 

Non ricordo nemmeno come c’è venuta l’idea di andare proprio a Berlino ma, credo di poter parlare anche per lei quando dico che è stata la scelta perfetta. Personalmente quei cinque giorni sono stati una manna dal cielo, una sorta di modo per riprendere a vivere e ho amato ogni singolo istante.

Ogni passo. Ogni palazzo. Ogni squarcio di quella stupenda città.

Read the rest of this entry »

cover

Titolo: Una tata per Nate

Titolo originale: A Nanny for Nate

Autore: Lisa Worrall

Traduttore: Barbara Belleri

Genere: M/M

Trama:

Un anno dopo la morte del marito, le uniche cose che permettono a Parker Adams di andare avanti sono il suo lavoro e suo figlio, Nate. Quando la persona che si occupa solitamente del bambino si trasferisce, Parker decide di assumere una balia che viva con loro, in modo da dare a Nate maggior stabilità. A causa di un ‘disguido’, però, non è la minuta Melanie che si presenta alla loro porta, ma Jake Walsh.

E Parker va nel panico.
Non che Jake non sia perfetto per quel lavoro. Lo è, e anche un po’ troppo. In mezz’ora di colloquio riesce a risvegliare in Parker sentimenti che lui credeva perduti per sempre.
Come farà Parker a vivere con quell’uomo sotto il suo tetto ventiquattro ore al giorno, sette giorni su sette?

Per Jake, invece, ciò che gli viene offerto rappresenta il lavoro perfetto, almeno fino a quando non si rende conto che non solo si è affezionato a Nate, ma si è anche innamorato di Parker.

Read the rest of this entry »

 

cover_1

Titolo: Fiducia Cieca

 Titolo originale: Blind Faith

Autore: N.R. Walker

Traduttrice: Pandora

Cover art: Laura Di Berardino

Genere: M/M

Rating: per adulti

Trama:
Carter Reece, veterinario, inizia un nuovo lavoro in una nuova città e risponde alla chiamata a domicilio di un cliente molto speciale.
Arrogante, lunatico e assolutamente splendido, Isaac Brannigan è cieco da quando ha otto anni. Dopo la morte di Rosie, suo cane guida e sua migliore amica, non riesce a collaborare con il suo nuovo cane, Brady.

Carter cercherà quindi di aiutare l’uomo e l’animale nella fase iniziale del loro rapporto. Ma la domanda è: chi conduce chi?

Read the rest of this entry »

Il secondo post…

Posted: August 2, 2014 in Random
Tags:

Sono decisamente la persona più incostante del pianeta. Ero davvero convinta che avrei utilizzato questo blog più spesso invece…

Bene, ora voglio cambiare le cose. Vorrei impegnarmi, rendere questo il mio piccolo angolino di… tutto!

Voglio scrivere recensioni dei libri che leggo, parlare di telefilm e musica insomma… darmi da fare.

Al momento sono in vacanza, perciò ho molto più tempo per fare, pensare e creare e, chi lo sa, magari questa volta terrò fede a questo post e sarò più presente!

Love.

B.

… dicono non si scordi mai.

Post… amore… avanti, non perdiamoci in inutili dettagli.

Comunque, salve a tutti! Non avrei mai pensato dopo anni di aprire un blog. Non so per quale motivo, ma nonostante io sia su livejournal da tempo memorabile non sono mai riuscita a considerarlo un vero e proprio blog.

Mi sento a casa su lj… ma è una casa a cui manca qualcosa. Ci sono i muri, ma non ci sono le stanze. Ecco, ora vorrei che provare a creare qui quelle stanze. Che alla fine sono parte di me e di ciò che sono e di chi sono.

Read the rest of this entry »